Powerlifting. Che cos’è?

Powerlifting. Che cos’è?

Manzoni, tramite don Abbondio tuonava: “Powerlifting! Chi è costui?”. Ops, ho sbagliato citazione, ma visto che oramai ci siamo, cos’è il Powerlifting?

Negli ultimi anni, ne sentiamo sempre più parlare e sempre più gente lo pratica. Perché? Perché  è uno sport accessibile a tutti, a qualsiasi età ed è facilmente avvicinabile. Il web, soprattutto lo sta portando in auge, grazie ai social e a molti video didattici. Gli ingredienti sono: un bilanciere, un po’ di ghisa, una palestra ed il gioco è fatto. Una volta, erano davvero poche le palestre che accoglievano questa disciplina, ma ora il Powerlifting, prende piede anche nei grossi centri, per via degli effetti benefici dei suoi esercizi e il numero sempre maggiore di praticanti.

Nello specifico

Il powerlifting, dall’inglese “alzata di potenza”, è uno sport che consiste nel sollevare il maggior peso possibile, durante una singola alzata.

Gli esercizi di cui si compone sono 3:

  1. Squat: questo esercizio, si effettua piegando le gambe, come per sedersi, cercando di accovacciarsi, tenendo il bilanciere, tra il trapezio ed il deltoide posteriore. In gara, l’alzata è valida, quando la cresta iliaca è sotto la linea del ginocchio.
  2. Panca piana o bench press: la panca piana è l’esercizio più comune in palestra. Si effettua sdraiati in posizione supina. Dopo aver “staccato” il bilanciere dai fermi, viene posizionato con le braccia tese in traiettoria del petto. Il bilanciere viene portato al petto e dopo averlo toccato, le braccia vengono riportate in posizione di partenza.
  3. Stacco o deadlift: ne esistono due tipologie: regular e sumo. Il primo si effettua con le gambe ad ampiezza della spalle. Il bilanciere viene afferrato da terra, iperestendendo la schiena e piegando le ginocchia. Una volta pronti, il bilanciere viene “staccato” da terra e l’alzata viene chiusa, quando le ginocchia saranno perfettamente serrate e le spalle si troveranno dietro la linea del bilanciere. Il sumo differisce dal regular, per il maggiore stance e per l’impugnatura del bilanciere che viene effettuato all’interno delle gambe.

In Italia le federazioni principali sono due: FIPL e WDFPF, anche se altre realtà, stanno venendo fuori, come: WPC, BBF, ecc….

Le categorie sono suddivise i base ad età, sesso, peso ed utilizzo o no dell’attrezzatura (equipped o raw). I criteri con cui vengono suddivise le categorie, però sono variabili da federazione a federazione.

Il Powerlifting non solo per agonisti

Visto il tipo di esercizi di cui si compone, i 3 big del Powerlifting, possono essere inseriti nelle preparazioni atletiche e negli allenamenti di tutti i giorni, anche in ottica posturale. Ovviamente, tutto sotto l’occhio vigile, di un istruttore qualificato che ne garantisca la perfetta esecuzione.

Nel mio blog, Zacroslog, si possono trovare delle proposte di allenamento per un pubblico non per forza agonista. Esercizi come squat e stacco, si prestano benissimo, sia nella preparazione di sport vari, sia nel correggere problemi posturali come atteggiamenti cifotici, visto il loro impatto sulla catena cinetica posteriore. Molti credono che essendo uno sport di forza, bisogna essere dei ciccioni, ma come sappiamo, la definizione si fa a tavola!

Powerlifting. Che cos’è? ultima modifica: 2016-09-23T12:00:38+00:00 da Matteo Morandini

Autore: Matteo Morandini

Personal Trainer, fondatore e Ceo di Fitnessway, azienda leader nella formazione nel settore fitness offre corsi per personal trainer in tutta Italia. Esperto di rilievo nazionale in economia e management dello sport. Titolare di 5 centri fitness a Roma. Ideatore dei uno dei più importanti Fitness Brand romani. Formatore di centinaia di risorse in ambito fitness e wellness. Formatore ed articolista Fitnessway sin dalla fondazione della società nelle aree management e personal training.